NEW

I disturbi alimentari negli adolescenti

I disturbi alimentari negli adolescenti stanno progressivamente acquisendo rilevanza nella pediatria internazionale poiché di solito iniziano nell'adolescenza, sono associati a morbilità e mortalità significative e, sebbene ciò non sia stato oggettivato a causa della...

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

Covid-19 e i bambini: Esposizione prolungata allo schermo

Quali preoccupazioni per il benessere dei bambini?

Covid-19 e i bambini. Il COVID-19 è una grave crisi di salute pubblica e ha cambiato notevolmente le nostre vite.

In particolare, la maggior parte dei bambini è colpita poiché il COVID-19 ha impedito loro di accedere all’istruzione in presenza.

Covid-19 e i bambini. Questa situazione ha costretto gli educatori di tutto il mondo a passare a una modalità di insegnamento online e i bambini sono costretti a studiare online a casa.

I punti di forza e le opportunità dell’apprendimento online sono innegabili.

Ad esempio, consente flessibilità di tempo e luogo per soddisfare un vasto pubblico di qualsiasi età.

Inoltre, l’apprendimento online può essere considerato un grande sollievo per i genitori in quanto aiuta i figli a continuare la loro istruzione online e li tiene occupati.

Nonostante i numerosi vantaggi dell’apprendimento online, in che modo l’esposizione prolungata allo schermo può influenzare lo sviluppo del cervello e il benessere della nostra generazione più giovane?

  • Considerando le preoccupazioni per lo sviluppo e la salute dell’uso dei media basati sullo schermo, l’American Academy of Pediatrics nel 2016 ha raccomandato di limitare l’uso dello schermo per i bambini di età superiore ai 2 anni a non più di 1 ora al giorno.Tuttavia, quando i bambini sono costretti a rimanere a casa durante la pandemia, il tempo trascorso davanti allo schermo della maggior parte dei bambini è aumentato notevolmente.

Poiché le reti cerebrali dei bambini si stanno rapidamente sviluppando, la situazione attuale richiede la nostra considerazione.

Covid-19 e i bambini. Precedenti studi hanno dimostrato che l’aumento del tempo davanti allo schermo è associato a disattenzione e problemi di autoregolazione tra i bambini in età prescolare.

In particolare, un recente studio ha trovato un’associazione inversa tra l’uso dei media basati su schermo e l’integrità microstrutturale dei tratti di sostanza bianca del cervello (che supportano il linguaggio, le funzioni esecutive e le abilità di alfabetizzazione emergente) in bambini dai 3 ai 5 anni.

Un altro studio ha rivelato che l’aumento dei livelli di tempo davanti allo schermo all’età di 2 e 3 anni era significativamente correlato a prestazioni inferiori nei test di screening dello sviluppo all’età di 3 e 5 anni, rispettivamente.

L’esposizione prolungata davanti allo schermo può essere quindi fonte di preoccupazione per il benessere dei bambini.

I problemi del sonno e l’insorgenza della miopia sono alcuni degli altri esiti negativi legati all’aumento dell’uso dello schermo e dei comportamenti sedentari.

L’esposizione alla luce blu la sera sopprime la produzione di melatonina, che influisce sull’inizio del sonno e riduce la durata del sonno.

A partire dal COVID-19, c’è una forte tendenza in aumento nell’uso di diverse applicazioni online come il software di videoconferenza, ed è prevedibile che tali applicazioni online saranno sempre più comuni e ampiamente utilizzate nel campo dell’istruzione nel prossimo futuro.

D’altra parte, i risultati della ricerca recente hanno chiaramente suggerito gli effetti negativi del tempo trascorso davanti allo schermo sullo sviluppo del cervello e sul benessere della nostra generazione più giovane.

Questa situazione dovrebbe essere attentamente affrontata e riconsiderata.

Aumentare la consapevolezza tra le diverse parti, compresi i responsabili politici, gli operatori sanitari, le scuole e i genitori è la chiave per mitigare la situazione.

Fonte:
https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpubh.2021.700401/full

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!