NEW

I disturbi alimentari negli adolescenti

I disturbi alimentari negli adolescenti stanno progressivamente acquisendo rilevanza nella pediatria internazionale poiché di solito iniziano nell'adolescenza, sono associati a morbilità e mortalità significative e, sebbene ciò non sia stato oggettivato a causa della...

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

Covid-19. Effetto dell’obesità sul sistema immunitario

Obesità e Covid-19. L’obesità può essere associata a una perdita della competenza immunitaria, con menomazioni dell’attività dei linfociti T helper, linfociti T citotossici, linfociti B e cellule natural killer, e ridotta produzione di anticorpi e IFN-γ.

Ciò significa che, rispetto agli individui di peso sano, gli obesi hanno una maggiore suscettibilità a una serie di infezioni batteriche, virali e fungine, e una risposta più scarsa alla vaccinazione.

L’impatto dell’obesità è stato ben esplorato in relazione all’infezione influenzale e alla vaccinazione contro l’influenza.

Durante la pandemia del virus dell’influenza A H1N1 del 2009, gli individui obesi hanno mostrato risposte antivirali ritardate e indebolite alle infezioni e hanno mostrato una guarigione più scarsa dalla malattia rispetto agli individui di peso sano.

Studi su animali e casi studio sull’uomo mostrano che l’obesità è associata alla diffusione prolungata del virus dell’influenza, indicando una compromissione del controllo virale e dell’uccisione e l’emergere di varianti virulente minori.

Obesità e Covid-19. In particolare, rispetto agli individui di peso normale, gli individui obesi vaccinati hanno il doppio del rischio di influenza o malattia simil-influenzale, indicando una protezione più scarsa dalla vaccinazione negli obesi.

L’esposizione delle cellule immunitarie del sangue al vaccino ha aumentato il numero di linfociti T citotossici attivati, il numero di linfociti T citotossici che esprimono granzyme e il numero di linfociti T citotossici che producono IFN-γ.

Tuttavia, le risposte delle cellule di individui obesi sono state attenuate rispettivamente del 40%, quasi il 60% e il 65%.

Le cellule di individui in sovrappeso hanno mostrato risposte intermedie tra quelle di individui di peso sano e obesi.

Paradossalmente, l’obesità è anche collegata ad un aumento delle concentrazioni ematiche di molti mediatori infiammatori, uno stato di infiammazione cronica di basso grado.

Si ritiene che questo stato contribuisca a un aumento del rischio di condizioni croniche di invecchiamento e può predisporre a montare una risposta infiammatoria eccessiva quando infettato.

Pertanto, l’obesità può essere un fattore che predispone a COVID-19 più grave; a sostegno di ciò, un rapporto francese ha rilevato che l’85,7% degli individui obesi infetti da SARS-CoV-2 necessitava di ventilazione meccanica rispetto al 47,1% degli individui infetti di peso sano.

Per tutti questi buoni motivi, soprattutto ora in corso di Pandemia, è il caso di mangiare in maniera consapevole, cercando di mantenere il nostro giustopeso.

Fonte:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33230497/C

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!