NEW

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

La dispepsia nei bambini.

La dispepsia nei bambini o malattia peptica acida o dispepsia è una sindrome clinica correlata alla regione gastroduodenale del tratto gastrointestinale superiore. I sintomi includono la presenza o la persistenza di dolore o disagio ricorrente nell'epigastrio, sazietà...

Diabete mellito di tipo 2

Alimenti e rischio

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all’aumento dell’obesità, alla riduzione dell’attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari errati.

Pertanto, l’attuazione di efficaci strategie di prevenzione del T2D, nonché programmi di individuazione precoce è di fondamentale importanza per ridurre l’onere sanitario della malattia.

Per prevenire l’insorgenza di T2D in tenera età e ridurre il rischio per tutta la vita di ottenere T2D, è stato riconosciuto che la selezione ottimale di cibo e fattori dietetici svolgono un ruolo critico.

Diversi studi hanno mostrato che i cereali integrali erano associati a un minor rischio di T2D, mentre la carne rossa, la carne trasformata e le bevande dolci con zucchero (SSB) erano associate ad un aumentato rischio.

Modelli alimentari sani valutati da approcci basati su ipotesi come il punteggio della dieta mediterranea, l’indice sull’alimentazione sana, l’indice sull’alimentazione sana alternativa e il punteggio dietetico DASH sono stati associati a un ridotto rischio di T2D.

La complessa relazione tra dieta e salute, affrontata attraverso questi schemi dietetici, è un promemoria del fatto che gli esseri umani non consumano nutrienti ma piuttosto una miscela di singoli alimenti.

Concentrarsi sui gruppi alimentari, quindi, può aiutare a comprendere il ruolo dei fattori dietetici sul rischio di sviluppare T2D a un livello che potrebbe essere più facilmente comunicato al pubblico e potrebbe costituire la base per raccomandazioni dietetiche per prevenire le malattie croniche.

Questi i gruppi alimentari che sono stati esaminati:

  • cereali integrali
  • cereali raffinati
  • verdure
  • frutta
  • noci
  • legumi
  • uova
  • latticini (latte, formaggio, yogurt)
  • pesce
  • carne rossa
  • carne lavorata e bevande zuccherate.

Il consumo ottimale di alimenti a rischio ridotto (2 porzioni / giorno di cereali integrali; 2-3 porzioni / giorno di verdure; 2-3 porzioni / giorno di frutta; 3 porzioni / giorno di prodotti lattiero-caseari), comporta una riduzione del 42% rispetto ad un non consumo di questi alimenti.

  • La massima riduzione del rischio di T2D in termini di porzioni potrebbe essere osservata per i cereali integrali; 50 g / giorno sono stati associati ad una riduzione del rischio del 25% rispetto al mancato consumo di questo gruppo alimentare.
  • Aumentando il consumo giornaliero di alimenti con relazione inversa al rischio di T2D oltre 2 porzioni di cereali integrali (60 g / giorno), 2-3 porzioni di frutta e verdura (160-240 g / giorno rispettivamente), e 3 porzioni di prodotti lattiero-caseari (400-600 g / giorno) non ridurranno ulteriormente il rischio.
  • Un consumo di alimenti ad alto rischio di 2 porzioni / giorno di carne rossa (170 g / giorno), 4 porzioni / giorno di carne trasformata (105 g / giorno), 3 porzioni / giorno di SSB (750 ml / giorno) e 1 porzione / giorno di uova (55 g / giorno) è associato a un triplice aumento del rischio di T2D, rispetto al mancato consumo. Non consumare questi alimenti ridurrebbe il rischio di T2D di circa il 70%. La massima riduzione del rischio per porzione può essere ottenuta riducendo la carne rossa e trasformata e il SSB.
  • Nel loro insieme, è stata segnalata un’associazione inversa tra prodotti lattiero-caseari, frutta, cereali integrali e T2D, nonché un’associazione positiva tra carne rossa e trasformata, SSB e rischio di T2D.
  • Nessuna associazione lineare significativa per l’assunzione si potevano trovare uova, pesce, noci, verdure e cereali raffinati.
  • Una assunzione di cereali integrali è stata associata a minori concentrazioni di glucosio a digiuno e insulina. Numerosi nutrienti e sostanze fitochimiche come fibre solubili, amido resistente, acido fitico, magnesio, zinco, selenio e potassio potrebbero mediare l’effetto di cereali integrali.
  • Vi sono prove evidenti che il consumo di bevande dolci zuccherate (SSB) è associato all’aumento di peso e all’obesità negli adulti. Gli zuccheri in di queste bevande aumentano notevolmente i livelli di glucosio nel sangue e hanno un indice glicemico elevato, che rappresenta un fattore di rischio per T2D. Il fruttosio, contenuto nelle SSB promuove la lipogenesi epatica e favorisce l’insulino-resistenza. Potrebbe esserci anche un ruolo specifico di questo tipo di bevanda per compromettere la regolamentazione altrimenti funzionante della fame e della sazietà.
  • Esistono prove coerenti che la carne rossa e trasformata è associata al rischio di T2D.
  • È stata anche osservata un’associazione inversa tra consumo di frutta e verdura e T2D. Le potenziali prove meccanicistiche si basano principalmente sul contenuto di fibre, che ha dimostrato di migliorare la sensibilità all’insulina e la secrezione di insulina per superare la resistenza all’insulina. Inoltre, l’assunzione di frutta e verdura influenza indirettamente il rischio di T2D prevenendo l’aumento di peso e il rischio di adiposità.
  • Vi sono prove che i prodotti lattiero-caseari, in particolare quelli che sono fermentati, sono associati a un ridotto rischio di adiposità. Inoltre, nello studio EPIC-Interact (Lancet Diabetes Endocrinol. 2014; 2 (10): 810–818), è stata osservata una forte relazione inversa tra acidi grassi saturi, principalmente presente nei prodotti caseari e rischio di T2D. Quindi, in sintesi, meglio bere latte e yogurt che mangiare troppi formaggi.

Il consumo ottimale di cereali integrali, verdure, frutta e prodotti lattiero-caseari e il non consumo di carne rossa, carne trasformata, SSB e uova è stato associato con un rischio ridotto dell’81% di T2D.

L’impatto sul rischio T2D è stato maggiore per il non consumo di carni rosse e trasformate, SSB e uova (triplice aumento del rischio) rispetto al consumo di cereali integrali, prodotti lattiero-caseari, frutta e verdura (riduzione del rischio del 42%).

La riduzione di SSB offre una delle strategie più importanti per ridurre l’onere globale di T2D.

Il consumo di SSB può essere facilmente sostituito dall’acqua.

In linea con questo approccio vi sono strategie di sanità pubblica per aumentare i costi di questo alimento riscuotendo tasse o introducendo un’imposta sullo zucchero delle SSB, che è stata attuata in diversi paesi tra cui paesi europei, diversi stati degli Stati Uniti e Messico.

Un’altra strategia per ridurre l’incidenza di T2D potrebbe essere quella di incoraggiare le diete vegetariane.

In linea con quanto esposto l’assunzione di carni rosse e trasformate dovrebbe essere il più bassa possibile.

In conclusione, tra i gruppi alimentari studiati, la selezione di assunzioni ottimali specifiche (aumentando cereali integrali, verdure, frutta e prodotti lattiero-caseari e riducendo carni rosse e trasformate, SSB e uova) può portare a un notevole cambiamento nel rischio di T2D.

Tratto da: Schwingshackl L. et al. Food groups and risk of type 2 diabetes mellitus: a systematic review and meta-analysis of prospective studies. Eur J Epidemiol . 2017; 32 (5): 363–375.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!