NEW

I disturbi alimentari negli adolescenti

I disturbi alimentari negli adolescenti stanno progressivamente acquisendo rilevanza nella pediatria internazionale poiché di solito iniziano nell'adolescenza, sono associati a morbilità e mortalità significative e, sebbene ciò non sia stato oggettivato a causa della...

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

Il nichel: onnipresente ma sconosciuto

Il nichel (Ni) appartiene agli elementi ferromagnetici, ed è naturalmente presente nella crosta terrestre solitamente in combinazione con ossigeno e zolfo sotto forma di ossidi e solfuri.

In mare ci sono circa otto miliardi di tonnellate di Ni.

Grazie alle sue proprietà fisiche e chimiche uniche, il nichel viene utilizzato nelle moderne metallurgie come la produzione di leghe, nella produzione di batterie al nichel-cadmio e come catalizzatore nell’industria chimica e alimentare.

A seconda della dose e della durata dell’esposizione, il Ni è un agente immunotossico e cancerogeno e può causare una varietà di effetti sulla salute, come dermatite da contatto, malattie cardiovascolari, asma, fibrosi polmonare e cancro del tratto respiratorio. Comunque, l’esposizione degli esseri umani riguarda principalmente l’ingestione orale attraverso l’acqua e il cibo poiché il Ni può essere un contaminante nell’acqua potabile e/o negli alimenti.

Alimenti e oggetti contenenti Ni ed effetti tossici del Ni.

  • Nocciole;
  • cacao e cioccolato fondente;
  • frutta (mandorle, datteri, fichi, ananas, prugne, lamponi);
  • cereali (crusca, grano saraceno, miglio, pane integrale, avena, riso integrale, semi di sesamo, semi di girasole);
  • frutti di mare (gamberi, cozze, ostriche, granchi, salmone);
  • verdure (fagioli, verze, porri, lattuga, lenticchie, piselli, spinaci, cavoli), tè dai distributori di bevande;
  • soia e prodotti a base di soia; arachidi;
  • liquirizia; lievito in polvere.

Articoli contenenti nichel

  • Gioielli economici;
  • cosmetici;
  • chiavi;
  • telefono cellulare;
  • montature per occhiali;
  • graffette;
  • apparecchi ortodontici;
  • articoli in acciaio inossidabile;
  • articoli nichelati;
  • chiusure per indumenti (cerniere, bottoni automatici, fibbie per cinture);
  • materiale elettrico; armamenti;
  • lega;
  • industrie metallurgiche e di trasformazione alimentare;
  • pigmenti;
  • catalizzatori.

Effetti tossici del nichel

  • Dermatite da contatto;
  • mal di testa;
  • manifestazioni gastrointestinali;
  • manifestazioni respiratorie;
  • fibrosi polmonare;
  • malattia cardiovascolare;
  • cancro ai polmoni;
  • cancro nasale;
  • effetti epigenetici.

La sua neurotossicità sarebbe legata allo stress ossidativo e alle disfunzioni mitocondriali. Per questo l’utilizzo di molecole antiossidanti, come L-carnitina https://www.giustopeso.it/la-vitamina-c-e-massa-muscolare-quale-correlazione/, taurina e melatonina https://www.giustopeso.it/la-melatonina/ può prevenire la neurotossicità e la cancerogenicità indotte dal Ni.

Dove si trova il nichel?

Nichel e composti di Ni hanno molti usi industriali e commerciali grazie alle proprietà chimiche, alla brillantezza e al prezzo basso.

È utilizzato in gioielli poco costosi, chiavi, graffette, chiusure per indumenti (come cerniere, bottoni automatici e fibbie per cinture), apparecchiature elettriche, armamenti, monete, leghe, ma anche nelle protesi mediche e nei materiali ortodontici.

Non basta: le fonti naturali di Ni atmosferico includono la polvere trasportata dal vento, derivata dall’erosione di rocce e terreni, incendi boschivi e attività vulcaniche.

La presenza di Ni nell’aria deriva anche dalla combustione di carbone, gasolio e olio combustibile e dall’incenerimento di rifiuti e liquami.

Altre fonti ambientali di Ni includono utensili da cucina in acciaio inossidabile e fumo di tabacco.

A questo proposito è stato dimostrato che ogni sigaretta contiene una quantità di nichel da 1,1 a 3,1 μg.

Infine il nichel viene anche aggiunto involontariamente alla dieta attraverso la lavorazione degli alimenti utilizzando attrezzature in acciaio inossidabile o attraverso il contatto mano-bocca. Si noti inoltre che i bollitori da cucina possono rilasciare Ni nell’acqua potabile quando viene fatta bollire in bollitori con elementi nichelati.

A causa della sua abbondanza, la carenza naturale di nichel non si verifica facilmente; inoltre, una dieta carente di Ni è difficile da mantenere a causa della sua abbondanza negli alimenti.

Una piccola frazione di nichel viene assorbita anche a livello cutaneo e le particelle di Ni penetrano nella pelle nei dotti sudoripari e nei follicoli piliferi.

Inoltre, l’assorbimento dermico di questo metallo è influenzato da agenti solubilizzanti, come detersivi, e da indumenti e guanti che si comportano da barriera alla pelle.

Lo sapevi?

  • I pazienti ortodontici sono esposti ad una notevole quantità di nichel, cobalto, titanio e altri metalli derivanti dalle leghe. L’ambiente orale microbiologico e acquoso combinato con il pH della saliva, l’assunzione di bevande, cibo e collutori facilitano la corrosione con conseguente rilascio di ioni dagli apparecchi ortodontici nei tessuti orali e nella saliva dei pazienti. Questi ioni rilasciati dagli apparecchi ortodontici causano dermatiti da contatto, ipersensibilità, citotossicità e danni al DNA.
  • Gli oggetti con valore affettivo (cimeli, fedi nuziali) potrebbero essere trattati con uno smalto o una placcatura in rodio.

Allergia al nichel

Tra i diversi metalli, il nichel è la causa più frequente di allergia ai metalli.

Clinicamente, l’allergia al nichel a volte si verifica quando gli oggetti contenenti Ni sono a contatto diretto e prolungato con la pelle, portando alla corrosione del Ni da parte del sudore, rilasciando ioni di Ni da assorbire attraverso la pelle e avviando un effetto allergenico.

Una volta sensibilizzati, gli individui possono sviluppare dermatite da contatto, lichen planus, eczema disidrotico, desquamazione labiale, chelite angolare, parodontite, stomatite con eritema da lieve a grave, perdita del gusto e intorpidimento. Un problema particolare è dovuto all’uso del nichel per la monetazione, come le monete europee da uno e due euro.

All’inizio del 1930-1935 osservazioni di dermatiti da nichel prodotte da oggetti di uso quotidiano furono riportate anche sull’uso di montature per occhiali e sull’uso dell’orologio da polso.

I dati della letteratura indicano che le donne sono più inclini alla dermatite rispetto agli uomini.

Infatti, circa il 13-18% delle donne e il 3-6% degli uomini sono allergici al nichel, e questo può essere dovuto a un maggiore contatto con oggetti contenenti Ni, come gioielli, bottoni, alcuni shampoo e detersivi, e pigmenti.

Secondo i dermatologi, la frequenza dell’allergia al nichel è ancora in aumento e può essere spiegata dal piercing alla moda e dai dispositivi contenenti Ni utilizzati in medicina come stent coronarici e endoprotesi.

Circa il 10-15% della popolazione della Terra soffre di allergia al nichel e molti non sono in grado di indossare gioielli o maneggiare monete e altri oggetti che contengono Ni.

Le reazioni allergiche al nichel sono state implicate nelle complicanze legate agli stent coronarici, tra cui emicrania, febbre, dispnea, dermatite e pericardite.

Il nichel rilasciato da varie leghe è un potente allergene o aptene che può scatenare l’infiammazione cutanea.

Questa può avvenire nel punto di contatto o talvolta diffondersi al resto del corpo. L’esposizione cutanea può causare chiazze eritematose, pruriginose, vescicolari e squamose localizzate.

Può manifestarsi come chiazze cutanee acute, subacute o croniche simili all’eczema.

Conclusioni

Il nichel è un metallo di ampia diffusione nell’ambiente.

Il contatto con composti di nichel solubili e insolubili può causare una varietà di effetti collaterali sulla salute umana.

L’esposizione umana al Ni può avvenire attraverso il cibo, l’acqua o l’aria. Il sistema nervoso è uno dei principali organi bersaglio della tossicità del Ni; infatti, può essere accumulato nel cervello. L’inquinamento del suolo, dell’acqua e dell’aria, dovuto ai metalli pesanti, è probabilmente il risultato più eccezionale dell’evoluzione della nostra società.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7037090/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!