NEW

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

La dispepsia nei bambini.

La dispepsia nei bambini o malattia peptica acida o dispepsia è una sindrome clinica correlata alla regione gastroduodenale del tratto gastrointestinale superiore. I sintomi includono la presenza o la persistenza di dolore o disagio ricorrente nell'epigastrio, sazietà...

La dispepsia nei bambini.

È organica o funzionale?

La dispepsia nei bambini o malattia peptica acida o dispepsia è una sindrome clinica correlata alla regione gastroduodenale del tratto gastrointestinale superiore.

I sintomi includono la presenza o la persistenza di dolore o disagio ricorrente nell’epigastrio, sazietà precoce, dolore postprandiale, nausea, pirosi, eruttazione o singhiozzo eccessivo, anoressia, perdita di peso, bruciore di stomaco, dolore addominale periombelicale e rigurgito.

La dispepsia può essere la manifestazione di malattie organiche, sistemiche o metaboliche, o non avere una causa apparente, come nella dispepsia funzionale.

Secondo i criteri di Roma IV, la dispepsia funzionale è definita come la presenza per almeno quattro giorni al mese negli ultimi due mesi di uno o più dei seguenti sintomi: pienezza postprandiale, sazietà precoce, dolore o bruciore all’epigastrio non associati a defecazione. Una valutazione approfondita esclude altri problemi medici.

L’importanza di conoscere le principali cause della dispepsia risiede nello stabilire una corretta diagnosi e trattamento.

Le principali cause descritte nella popolazione pediatrica comprendono:

  • ulcera peptica primaria
  • Agenti infettivi come Helicobacter pylori e altri meno comuni come citomegalovirus, virus dell’herpes simplex, virus dell’influenza A, Treponema pallidum , Candida albicans , istoplasmosi; stati di ipersecrezione come la sindrome di Zollinger-Ellison, farmaci come analgesici non steroidei, steroidi, alcol e acido valproico, tra gli altri.

Per quanto riguarda i sintomi, il sintomo predominante era la sazietà precoce (75%), seguita da anoressia (65%) e dolore epigastrico (59%); tuttavia, secondo la diagnosi eziologica, i sintomi erano diversi: i bambini a cui era stata diagnosticata l’esofagite avevano anoressia (71%) e dolore epigastrico (66%) come sintomi predominanti.

Nel caso della dispepsia funzionale, i sintomi predominanti erano sazietà precoce, distensione addominale e dolore epigastrico; nei bambini con H. pylori , la sazietà precoce e il dolore epigastrico erano più comuni e, infine, nei bambini con SIBO (proliferazione batterica dell’intestino tenue), predominavano il dolore periombelicale diffuso, la sazietà precoce e l’anoressia (Tabella 3).

La dispepsia nei bambini.

La dispepsia è un gruppo di sintomi che possono rappresentare diverse malattie.

Studi precedenti hanno valutato l’eziologia di questi sintomi.

Hyam et al. ha condotto uno studio su 127 bambini, di cui solo 56 sono stati sottoposti a endoscopia secondo i criteri del medico curante, con una prevalenza di dispepsia funzionale riscontrata nel 62% di questo sottogruppo, e il resto con reperti endoscopici che giustificavano il dolore.

Nel nostro studio, abbiamo documentato reperti endoscopici (gastropatia erosiva, esofagite) che giustificavano i sintomi nel 54% dei bambini, sebbene questa cifra fosse inferiore a quella riportata da Adeniyi et al. a Lagos (Nigeria), dove hanno documentato reperti endoscopici nell’87% dei bambini e adolescenti che hanno assistito con dati coerenti con la dispepsia.

Nei nostri pazienti, dopo una gestione stabilita, si è verificato un miglioramento dei sintomi nel 75% dei bambini che presentavano esofagite e solo nel 50% di quelli che presentavano una gastropatia erosiva.

H. pylori è una causa di sintomi dispeptici; tuttavia, la sua frequenza nei bambini e la relazione di causalità con il dolore addominale è un argomento di discussione.

La SIBO è stata descritta come causa della sindrome dell’intestino irritabile negli adulti e recentemente è stata anche identificata come causa di dispepsia.

Tuttavia, nei bambini sono pochi gli studi che hanno associato la SIBO al dolore addominale cronico.

Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio condotto su bambini in cui la dispepsia è stata associata a SIBO.

Sempre nel nostro studio, abbiamo riscontrato che il 12% (12 bambini) dei bambini aveva SIBO e, dopo il trattamento, il 90% di loro (11 bambini) è migliorato, il che apre una nuova possibilità nell’eziologia della dispepsia nei bambini e, necessariamente, per la sua ricerca e verifica.

In conclusione, la dispepsia nei bambini continua a essere un argomento che richiede ulteriori indagini; tuttavia, in accordo con i risultati del nostro studio, riteniamo che le cause organiche dovrebbero essere escluse prima di classificare il bambino con dispepsia funzionale.

Fonte: https://www.gacetamedicademexico.com/frame_esp.php?id=630

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!