NEW

I disturbi alimentari negli adolescenti

I disturbi alimentari negli adolescenti stanno progressivamente acquisendo rilevanza nella pediatria internazionale poiché di solito iniziano nell'adolescenza, sono associati a morbilità e mortalità significative e, sebbene ciò non sia stato oggettivato a causa della...

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

La Pasta: what else?

Poiché il ruolo dei grassi saturi nelle malattie croniche è stato messo in discussione, i carboidrati sono stati attaccati dai media, libri popolari, dichiarazioni di gruppi di difesa della salute e commenti nelle principali riviste mediche.

La pasta. Gran parte dell’attenzione si è concentrata sugli zuccheri, ma i tradizionali carboidrati di base come pasta, riso e pane sono sempre più coinvolti nelle epidemie di sovrappeso e obesità.

Sebbene revisioni sistematiche e meta-analisi di studi randomizzati e controllati (RCT) di modelli dietetici che includono questi alimenti ma sono a basso indice glicemico (GI), alto contenuto di cereali integrali e/o ad alto contenuto di fibre alimentari hanno mostrato vantaggi per i risultati relativi al peso, c’è stata una generale mancanza di riconoscimento dell’importanza della qualità dei carboidrati.

La pasta è un importante esempio di alimento considerato un carboidrato raffinato ma a basso indice glicemico, una proprietà che è stata ampiamente sfruttata negli studi sui modelli dietetici a basso indice glicemico.

Non è chiaro se la pasta da sola o nel contesto di un modello alimentare a basso indice glicemico condivida i vantaggi di altri alimenti a basso indice glicemico o, al contrario, contribuisca all’aumento di peso.

  • La presente revisione sistematica e la meta-analisi sono state intraprese per quantificare l’effetto della sola pasta e della pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico sul peso corporeo e altri marcatori di adiposità.
  • L’analisi aggregata primaria su 2448 partecipanti (prevalentemente di mezza età e sovrappeso o obesi), ha dimostrato che la pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico non ha contribuito all’aumento di peso, determinando una significativa perdita di peso di -0,63 kg rispetto a diete più elevate nell’IG per un follow-up mediano di 12 settimane.
  • L’incoraggiamento al consumo di pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico non causa danni e può anche portare a una perdita di peso spontanea, non solo a breve termine ma anche a lungo termine.

L’assunzione di pasta è stata valutata nello studio Moli-sani e nell’Indagine italiana sulla nutrizione e la salute, uno studio trasversale su oltre 20 000 italiani provenienti da tutta Italia. Lo studio ha dimostrato che un maggiore consumo di pasta era associato a un minor indice di massa corporea, circonferenza della vita e rapporto vita-fianchi e con una minore prevalenza di sovrappeso e obesità (Nutr diabete 2016; 6 :e218 10.1038/nutd.2016.20 ).

Inoltre, una maggiore assunzione di pasta è stata associata a una migliore aderenza alla dieta mediterranea, un modello alimentare che ha dimostrato un beneficio cardiovascolare.

Sebbene la forma del prodotto della pasta possa variare ampiamente, anche per forma (es. maccheroni, spaghetti, linguine), ingredienti (es. tipo di grano, contenuto di uova) e tecnica di lavorazione (es. temperatura di essiccazione), gli studi hanno dimostrato che confrontando paste che variano in questi parametri, nonostante lievi variazioni nella risposta glicemica tra le paste, le risposte glicemiche sono ancora inferiori rispetto a un controllo, ad esempio il pane bianco.

  • Una delle preoccupazioni della scelta della pasta come alimento a base di carboidrati è che sia un alimento raffinato e povero di fibre. Sebbene siano disponibili opzioni di pasta integrale, gli studi hanno dimostrato che la fibra aggiunta alla pasta non influisce in modo significativo sulla risposta del glucosio o dell’insulina, sulla secrezione di ormoni intestinali o sulla sazietà.
  • Inoltre, la pasta ha un IG simile rispetto a molti carboidrati ricchi di fibre, tra cui orzo, legumi e avena, e ancora un IG ancora più basso rispetto ad altri alimenti ricchi di fibre tra cui pane integrale, cereali per la colazione come fiocchi di crusca o patate.
  • La pasta di grano bianco tipicamente consumata ha anche un contenuto di micronutrienti più elevato rispetto ad altri prodotti di grano bianco come il pane poiché contiene lo strato di aleurone, che si conserva grazie all’utilizzo di frumenti più duri (grano duro); anche quando si utilizzano semola di grano duro nel pane, la pasta conserva una risposta glicemica inferiore principalmente a causa delle tecniche di lavorazione utilizzate nella produzione della pasta, che conferiscono alla pasta una struttura compatta e una ridotta idrolisi dell’amido.

Diete a basso IG potrebbero portare ad una maggiore riduzione del peso corporeo rispetto a diete superiore GI perché gli alimenti basso indice glicemico hanno dimostrato di essere più sazianti e diminuire conseguentemente l’apporto energetico.

I modelli dietetici a basso indice glicemico sono caratterizzati anche da un alto contenuto di fibre, che possono contribuire a migliorare la sazietà e la fame.

Inoltre, studi che hanno confrontato modelli dietetici ad libitum a basso indice glicemico con diete a basso contenuto energetico standard hanno dimostrato una perdita di peso simile o migliore con modelli dietetici a basso indice glicemico, nonostante il fatto che i partecipanti fossero liberi di consumare quanto desideravano.

I risultati relativi alla pasta (carboidrati raffinati ma a basso indice glicemico), sono importanti visti i messaggi negativi di cui è stato inondato il pubblico, messaggi che sembrano influenzare le loro scelte alimentari, come evidenziato dalle recenti riduzioni dell’assunzione di carboidrati, soprattutto nell’assunzione di pasta.

Contrariamente a queste preoccupazioni, l’evidenza disponibile mostra che quando la pasta viene consumata nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico, non vi è alcun aumento di peso ma una perdita di peso clinicamente significativa marginalmente (> 0,5 kg).

Le attuali linee guida di pratica clinica suggeriscono già la sostituzione degli alimenti ad alto indice glicemico con alimenti a basso indice glicemico per il miglioramento del controllo glicemico e dei fattori di rischio cardiovascolare.

Le attuali evidenze indicano che la pasta può essere evidenziata come un importante esempio di alimento a basso indice glicemico che può contribuire a un modello alimentare a basso indice glicemico, un modello che a sua volta può potenzialmente migliorare il rischio cardiometabolico senza un effetto negativo sul controllo del peso.

In conclusione, la pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico riduce il peso corporeo e l’IMC rispetto ai modelli alimentari a indice glicemico superiore.

Questa scoperta aumenta la nostra fiducia che la pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico non determini un aumento di peso.

fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5884373/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!