NEW

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

La dispepsia nei bambini.

La dispepsia nei bambini o malattia peptica acida o dispepsia è una sindrome clinica correlata alla regione gastroduodenale del tratto gastrointestinale superiore. I sintomi includono la presenza o la persistenza di dolore o disagio ricorrente nell'epigastrio, sazietà...

La Vitamina D modifica il microbiota

Se allattati esclusivamente al seno è associata ad alterazioni del microbioma fecale.

Vitamina D. Il microbiota intestinale è stato considerato un “organo invisibile” del corpo umano, svolgendo ruoli importanti nella modulazione delle funzioni dell’ospite, inclusi: metabolismo, digestione e risposte immunitarie e integrità della mucosa intestinale.

La disbiosi del microbiota intestinale può essere associata a vari esiti avversi per la salute nei bambini come l’asma, il morbo di Crohn, la malattia infiammatoria intestinale e il diabete di tipo 1.

La colonizzazione dei batteri intestinali inizia alla nascita e rimane notevolmente dinamica fino a circa 2-3 anni di età, quando iniziano ad emergere profili microbici più stabili.

Oltre alla modalità di consegna e all’esposizione agli antibiotici, le pratiche di alimentazione infantile sono fattori chiave nel plasmare la composizione precoce del microbiota.

Studi recenti hanno dimostrato che i profili microbici intestinali nei bambini allattati al seno sono significativamente diversi da quelli dei bambini allattati con latte artificiale e cambiano rapidamente dopo il passaggio dall’allattamento al seno al latte artificiale o al cibo solido.

Le differenze nella composizione del microbiota intestinale osservate tra i bambini allattati con latte artificiale e quelli allattati al seno sono state, almeno in parte, attribuite all’assenza di oligosaccaridi del latte umano (HMO) nel latte artificiale.

Il latte umano è arricchito con HMO, che sono stati collegati a batteri benefici nel microbiota intestinale.

L’introduzione di alimenti solidi rappresenta un altro fattore chiave che influenza la composizione del microbiota intestinale del neonato, producendo un microbioma complesso di tipo adulto dominato dai phyla Bacteroidetes e Firmicutes.

La maggior parte della ricerca sul microbiota intestinale sull’alimentazione infantile fino ad oggi si è concentrata sull’allattamento al seno e sull’introduzione di alimenti solidi.

Poco si sa sull’effetto di altre caratteristiche dietetiche all’interno delle due diverse pratiche di alimentazione.

Si raccomanda che i bambini allattati esclusivamente al seno assumano integratori di vitamina D ogni giorno a causa della variabilità del contenuto di vitamina D nel latte materno umano.

Poiché tutto il latte artificiale è arricchito con vitamina D, i bambini che vengono alimentati esclusivamente con il latte artificiale di solito non hanno bisogno di un’integrazione di vitamina D.

La vitamina D non solo previene il rachitismo, ma svolge anche un ruolo importante nelle risposte immunitarie e nei processi metabolici che mantengono l’integrità dell’epitelio intestinale.

Il latte materno può essere fornito anche dal biberon o dalle banche del latte umano. Questa forma indiretta di allattamento al seno può portare all’arricchimento di altri batteri ambientali (Stenotrophomonas e Pseudomonadacea).

L’acqua utilizzata per ricostituire gli alimenti per lattanti in polvere può anche essere un’esposizione importante per i risultati sulla salute dei bambini.

La ricostituzione della formula con l’acqua del rubinetto può portare a un’assunzione eccessiva di fluoro e piombo. Diversi tipi di acqua (ad es. acqua di città, acqua di pozzo, sistemi di filtrazione) possono essere una fonte di varia composizione batterica.

  • Lo studio ha confermato che il Bifidobacterium è stato arricchito nei bambini allattati al seno rispetto ai bambini non allattati al seno.
  • Una ridotta risposta immunitaria nella carenza di vitamina D potrebbe aumentare il vantaggio competitivo di Haemophiluse influenzare la composizione del microbioma intestinale del neonato.

Fonte:
10.3390/nu14010202

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!