NEW

I disturbi alimentari negli adolescenti

I disturbi alimentari negli adolescenti stanno progressivamente acquisendo rilevanza nella pediatria internazionale poiché di solito iniziano nell'adolescenza, sono associati a morbilità e mortalità significative e, sebbene ciò non sia stato oggettivato a causa della...

La dieta del post-Covid-19

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19. Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da...

Celiachia ed ipertransaminasemia

Celiachia ed ipertransaminasemia. La celiachia (CD), nota anche come enteropatia sensibile al glutine o sprue celiaca, è definita come un'intolleranza permanente al glutine ingerito (i componenti proteici di deposito di grano, orzo e segale). Questa intolleranza...

Disturbo del gioco nei bambini

Disturbo del gioco nei bambini. La loro varietà e accessibilità si sono ulteriormente ampliate dall'introduzione di Internet, il che ha suscitato preoccupazione per i possibili effetti negativi su bambini e adolescenti. Diversi fattori creano un ambiente di gioco...

Diabete mellito di tipo 2

La prevalenza globale del Diabete mellito di tipo 2 (T2D) sta aumentando rapidamente, parallelamente all'aumento dell'obesità, alla riduzione dell'attività fisica / adozione di uno stile di vita sedentario e ai cambiamenti nella dieta verso comportamenti alimentari...

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene. In questo studio di coorte su 6280 famiglie con casi pediatrici, le probabilità aggiustate di trasmissione familiare da parte di bambini di età compresa tra 0 e 3 anni erano 1,43 rispetto ai bambini di età compresa tra 14 e 17 anni.

Quindi i bambini più piccoli possono avere un rischio maggiore di trasmettere SARS-CoV-2 a caregiver e fratelli in famiglia rispetto ai bambini più grandi.

L’infettività differenziale dei gruppi di età pediatrica ha implicazioni per la prevenzione delle infezioni all’interno delle famiglie, così come nelle scuole/asilo nido, per ridurre al minimo il rischio di trasmissione secondaria domestica.

Su 6280 casi pediatrici, abbiamo osservato che i bambini di età compresa tra 0 e 3 anni avevano maggiori probabilità di trasmettere SARS-CoV-2 ai contatti familiari rispetto ai bambini di età compresa tra 14 e 17 anni.

Questa associazione è stata osservata indipendentemente da fattori come la presenza di sintomi, la riapertura della scuola/l’assistenza all’infanzia o l’associazione con un’epidemia di scuola/assistenza all’infanzia.

Poiché il numero di casi pediatrici aumenta in tutto il mondo, il ruolo dei bambini nella trasmissione domestica continuerà a crescere.

Abbiamo scoperto che i bambini più piccoli possono avere maggiori probabilità di trasmettere l’infezione da SARS-CoV-2 rispetto ai bambini più grandi e le probabilità più elevate di trasmissione sono state osservate per i bambini di età compresa tra 0 e 3 anni.

L’infettività differenziale dei gruppi di età pediatrica ha implicazioni per i controlli di prevenzione delle infezioni all’interno delle famiglie e delle scuole/asilo nido per ridurre al minimo il rischio di trasmissione secondaria domestica.

Sebbene i bambini non sembrino trasmettere l’infezione con la stessa frequenza degli adulti, gli operatori sanitari dovrebbero essere consapevoli del rischio di trasmissione mentre si prendono cura dei bambini malati in ambito domestico.

Poiché è difficile e spesso impossibile isolarsi socialmente dai bambini malati, gli operatori sanitari dovrebbero applicare altre misure di controllo delle infezioni ove possibile.

Fonte:
doi:10.1001/jamapediatrics.2021.2770

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!